Home » Articoli » Cos’è il cyberbullismo

 

Cos’è il cyberbullismo

 

Il termine inglese “Cyber bullying” (“bullismo elettronico” o “bullismo in internet”) indica l’utilizzo di
informazioni elettroniche e dispositivi di comunicazione (posta elettronica, messaggistica istantanea, blogs,
SMS, telefoni cellulari, MMS ecc.) o l’uso di siti web con contenuti diffamatori, per effettuare azioni di
bullismo, o molestare in qualche modo una persona o un gruppo, attraverso attacchi personali o con altre
modalità; può anche costituire un crimine informatico.
Il cyberbullismo permette un maggiore anonimato del bullismo diretto o di quello indiretto di tipo sociale,
anonimato che può far diminuire il senso di responsabilità da parte di chi agisce, permettendo l’azione
prevaricante anche da parte di soggetti che nella conflittualità sociale diretta non troverebbero la forza di
agire. Il cyber bullismo risente più del bullismo “tradizionale” dell’influenza dei media e delle modalità e
contenuti da questi trasmessi.
Mezzi di comunicazione utilizzati

  • internet: posta elettronica, blog, reti sociali informatiche, siti personali, siti di diffusione di
    immagini o filmati, ecc.
  • telefoni cellulari: SMS, fotografie scattate senza permesso, scambio di filmati violenti o
    pornografici, diffusione di filmati intimi o riservati, ecc.

COME AGISCE IL CYBERBULLO

  • offendere – inveire contro qualcuno usando messaggi elettronici con linguaggio offensivo o volgare
  • molestare – molestare con messaggi offensivi e con insulti
  • diffamare – denigrare con pettegolezzi allo scopo di rovinare l’immagine o la reputazione di una
    persona o di rompere legami di amicizia
  • appropriarsi di identità altrui – penetrare nel sito di una persona e scrivere o mandare messaggi a
    nome suo con lo scopo di metterla in cattiva luce o rovinare le sue amicizie
  • diffondere informazioni riservate – svelare o scoprire con l’inganno i segreti di qualcuno, divulgare
    informazioni imbarazzanti, oppure diffondere tramite internet o tramite cellulari immagini intime o a
    contenuto sessuale
  • escludere – escludere intenzionalmente qualcuno da un gruppo on line, come ad esempio una “lista
    di amici”
  • perseguitare – perseguitare qualcuno mandandogli ripetutamente messaggi minacciosi o che
    possano fargli temere pericoli per la propria incolumità.
  • “Happy slapping” – Il termine indica la ripresa (con videotelefono, macchina fotografica o
    videocamera) di scene violente al fine di mostrale ad amici o di diffonderle. E’ molto aperta la
    discussione se questo tipo di comportamenti possa considerarsi bullismo oppure no. Infatti per
    quanto riguarda la singola azione violenta o aggressione di qualcuno da parte di una o più persone,
    di per sè non viene considerata bullismo, in quanto non è presente l’elemento della continuità e
    della ripetizione dell’azione, che però compaiono nell’uso del filmato, che solitamente viene diffuso
    tramite MMS, posta elettronica o pubblicato in siti web.

 

No comments

Be the first one to leave a comment.

Post a Comment